Informazioni e richieste relative al sito il Mangione e le sue iniziative. Consigli, proposte, suggerimenti su come migliorare il nostro sito. Questa sezione non sostituisce il canale per contattare lo staff de ilmangione.
12 messaggi
Pagina 1 di 1

da Luca75 il 29 dic 2011 17:02


Mi scuso anticipatamente con Oby per qualunque cosa dirò, ma non conoscendo l'organizzazione del sito e dell'associazione, non conoscendovi di persona, parlerò da lettore e da utente.
Comincio con il raccontarvi una storia.
Circa 15 anni fa, gestivo una newsletter e con questo strumento, per allora rivoluzionario, avevo creato un movimento "grandioso" nel suo campo. Poi internet si è evoluto: l'html ecc, hanno reso facile la creazione di homepage personali. Contemporaneamente il fenomeno dello spamming ha reso inservibili le email.
Risultato è che la newsletter, in due anni, si è lentamente ed inesorabilmente trasformata da rivoluzione a scocciatura.
I miei successori hanno aperto un portale.
I portali, come quello del Mangione sono stati la rivoluzione della comunicazione degli ultimi 10 anni. E il Mangione ha avuto un grande successo.
Ma l'era del "portale" classico, stile mangione, è finita. Guardate che fine hanno fatto i portali di tiscali e di libero tanto per dirne due.
I siti che veicolano contenuti, dai quotidiani agli altri portali gastronomici, si sono evoluti. Sono divenuti interattivi. Hanno assunto blogger. Permettono di commentare senza nemmeno la registrazione. Mettono foto.
Quello che vi propongo è di ripensare in maniera costruttiva l'architettura del sito perchè il web sta cambiando ed il mangione deve adeguarsi, perchè sta già in agonia.
Certo che i contatti sono in crescita. Ma la crescita è un epifenomeno dell'espansione del web e dell'interesse gastrofanatico come moda degli ultimi due anni. Se vedete la velocità con la quale è cresciuto dissapore capirete di cosa parlo.

Anche i forum, come strumento di comunicazione, sono pesantemente superati. Stanno tutti tirando le cuoia, non è solo quello del mangione ad essere sonnecchioso. Le nostre penne non se ne vanno per il clima di malcontento generale. Se ne vanno a cercare ciò che qui non si trova più, o che si trova più facilmemte altrove.

Poi ci sono i miglioramenti che si potrebbero fare, lasciando inalterata l'idea di base, perchè la grafica e la struttura del portale sono importanti.
Vi dico solo che le ultime dieci volte che ho consigliato ad amici il sito del mangione per trovare ristoranti mi sono sentito ridere dietro: davanti alla grafica così primitiva tutti hanno ritenuto che le informazioni trovate dentro il sito non sarebbero state affidabili.

Se volete se ne può parlare con serenità, se poi il solo muovere certi argomenti fa indignare ed arrabbiare, allora fine del discorso. Non voglio polemizzare.

Qui siamo tutti appassionati e sappiamo della fatica fatta da chi gestisce il sito e la passione che ci sta dietro. Proprio per l'ammirazione ed il rispetto verso tanta dedizione, trovo giusto condividere i miei pensieri.

Cordialità!

da Luca75 il 29 dic 2011 18:39


CITO OBY perchè altrimenti sembra che deliri da solo!!
Questo topic è un bel fotomontaggio di interventi scorporati dal altre discussioni :lol: :lol: :lol: :lol:

"Inoltre sono d'accoridssimo con Luca75 che ilmangione così com'è non va bene.
Ho eseguito personalmente un'analisi dei flussi e ho organizzato un power point per spiegare a chi di dovere come dovrebbe essere ilmangione. Risultato: 5'000€ per un applicativo iphone - 50'000€ per un rifacimento grafico e non solo + costo attuale programmatore + costo mie giornate (che ovviamente non hanno un costo).

Casse de ilmangione???? forse un decimo.

Quindi??? porto un abbonamento da 25 a 36 dopo 6 anni che non veniva ritoccato?
Inizio a dare dei vantaggi agli associati in modo che in un'ottica win win loro riescano ad acquistare prodotti importanti a prezzi molto competitivi e nel frattempo riesco a portare nelle casse de ilmangione10€ ad acquisto?

Forse, se la cosa non vi è troppo di fastidio, ci provo. Non so se sarà sufficiente, ma ci provo.
Ma almeno cercate di essere costruttivi.

Scusate se non risponderò ad altri messaggi sul tema. Li ritengo solo chiacchiere. Mentre il mio cellulare, per quelli che ce l'hanno o lo possono avere o un messaggio privato mi farà sempre piacere, perchè sono sicuro che se qualcuno si prende la briga di scrivermi o di chiamarmi ha qualcosa di interessante da dire e allora ascolterò molto volentieri....anzi ben venga.
Ciao a tutti
Oby"

Luca75:
Oh, così mi piace.. Non sono parole sprecate. L'app Iphone a 5000 euri forse si può fare? La consulenza sulla grafica del sito 50.0000 euro? Non immaginavo certe cifre. E se, considerata l'importanza della testata del Mangione, si proponesse una collaborazione con qualche università di Media Design, o del Politecnico.. Una cosa del tipo "ti offriamo l'opportunità" di scrivere la tesi dando un contributo ad un grande progetto? Trovare dei finanziatori? Mettersi in società con qualcuno che abbia certe potenzialità? Perchè il rischio è che agendo troppo tardi, si perdano troppi contatti per rimanere sull'onda..
Ultima modifica di Luca75 il 04 gen 2012 00:35, modificato 2 volte in totale.

da Luca75 il 30 dic 2011 13:04


Eh, per esempio non sapevo che il proprietario fosse tale Adami e non ho nemmeno capito se ogni tanto frequenti il forum.
Immagino che certi discorsi in assemblea li abbiate già considerati, ma tant'è. Il Mangione ha una potenza di fuoco non indifferente con i suoi 30000 contatti e con il peso che ha nell'orientare l'utenza sui ristoranti.
Bisogna trovare il modo di far fruttare tanta abbondanza in modo da avere un servizio sempre migliore e delle casse un po' più piene.
Vero è che la gratuità ed il volontariato sono valori che ci garantiscono
indipendenza, onestà ed apprezzamenti positivi; vero è anche che non si può affidare una robba così grossa alla sola disponibilità cangiante di volontari appassionati.
Non dico di fare marchette insulse. Ma quando si mette una recensione in evidenza, si potrebbe anche chiedere un compenso al ristoratore (evitando di mettere in evidenza recensioni che non lo meritano, ma anche non regalando pubblicità a mani basse).
Oppure avete visto l'articolo di Dissapore sul formaggio al cioccolato della Milka (qualcuno crede davvero che la Kraft non c'entri nulla?). O gli articoli su Eataly e le prove comparative.
Dai, dai, prostituitevi così potete regalare a me e ad Oby la grafica che sognamo.
Considerate anche che l'offertone a Roby arriverà presto, quindi è meglio che glielo fate fruttare un po' voi piuttosto che aver lavorato anni per fare arricchire qualche gruppo editoriale che rovinerà tutto...

da 7ilmarc0 il 30 dic 2011 15:01


Luca75 ha scrittoBisogna trovare il modo di far fruttare tanta abbondanza in modo da avere un servizio sempre migliore e delle casse un po' più piene.
Vero è che la gratuità ed il volontariato sono valori che ci garantiscono
indipendenza, onestà ed apprezzamenti positivi; vero è anche che non si può affidare una robba così grossa alla sola disponibilità cangiante di volontari appassionati.


l'unico modo per far fruttare un sito come questo è metterci banner pubblicitari che abbiano attinenza con gli argomenti trattati ... marchi di pasta, coltelli insomma tutto quello che è cucina.
L'importante è che i banner non siano invasivi, per esempio se sto cercando un coltello da cucina e in alto al sito c'è un banner che li pubblicizza ci clicco e vado a vedere cos'è ... se è conveniente bene altrimenti amici come prima ... poi il sito gestisce le percentuali di click piuttosto che di acquisto .....

da Oby il 31 dic 2011 15:11


Luca75 ha scrittoOh, così mi piace.. Non sono parole sprecate. L'app Iphone a 5000 euri forse si può fare? La consulenza sulla grafica del sito 50.0000 euro? Non immaginavo certe cifre. E se, considerata l'importanza della testata del Mangione, si proponesse una collaborazione con qualche università di Media Design, o del Politecnico.. Una cosa del tipo "ti offriamo l'opportunità" di scrivere la tesi dando un contributo ad un grande progetto? Trovare dei finanziatori? Mettersi in società con qualcuno che abbia certe potenzialità? Perchè il rischio è che agendo troppo tardi, si perdano troppi contatti per rimanere sull'onda..


Vorrei chiarire un punto fondamentale. Dal 2001, anno di nascita de ilmangione, sapete quante persone ho incontrato e con quante ho scambiato opinioni, idee e progetti? Sapete quanti erano disposti a collaborare e/o fare operazioni conginute, co-marketing, co-branding etc etc...

Ma come sempre bisogna essere molto pragmatici. Servono i fatti. Le idee ci sono, sono belle e sono tante. Serve solo chi abbia la possibilità e la capacità di realizzarle.

Far entrare un tesista a fare il nuovo portale de ilmangione? si può fare.
Chi butta giù il progetto? chi segue il tesista? chi, in un'ottica di risk management, organizza l'infrastruttura informatica dove costui possa operare senza fare danni? Chi tutela il database per i quali sono personalmente responsabile per la legge sulla privacy? chi verifica che l'impostazione di recensioni e quant'altro sia confrome alla normativa sull'editoria?

Posso sembrare polemico, ma non lo sono. Se qualcuno ha voglia e crede di essere abbastanza bravo da portare avanti anche solo un piccolo progetto, ben venga.
Ci troviamo a cena da qualche parte o meglio ad un evento de ilmangione e ne parliamo.

da Luca75 il 01 gen 2012 06:53


Oby ha scritto
Luca75 ha scrittoOh, così mi piace.. Non sono parole sprecate. L'app Iphone a 5000 euri forse si può fare? La consulenza sulla grafica del sito 50.0000 euro? Non immaginavo certe cifre. E se, considerata l'importanza della testata del Mangione, si proponesse una collaborazione con qualche università di Media Design, o del Politecnico.. Una cosa del tipo "ti offriamo l'opportunità" di scrivere la tesi dando un contributo ad un grande progetto? Trovare dei finanziatori? Mettersi in società con qualcuno che abbia certe potenzialità? Perchè il rischio è che agendo troppo tardi, si perdano troppi contatti per rimanere sull'onda..


Vorrei chiarire un punto fondamentale. Dal 2001, anno di nascita de ilmangione, sapete quante persone ho incontrato e con quante ho scambiato opinioni, idee e progetti? Sapete quanti erano disposti a collaborare e/o fare operazioni conginute, co-marketing, co-branding etc etc...

Ma come sempre bisogna essere molto pragmatici. Servono i fatti. Le idee ci sono, sono belle e sono tante. Serve solo chi abbia la possibilità e la capacità di realizzarle.

Far entrare un tesista a fare il nuovo portale de ilmangione? si può fare.
Chi butta giù il progetto? chi segue il tesista? chi, in un'ottica di risk management, organizza l'infrastruttura informatica dove costui possa operare senza fare danni? Chi tutela il database per i quali sono personalmente responsabile per la legge sulla privacy? chi verifica che l'impostazione di recensioni e quant'altro sia confrome alla normativa sull'editoria?

Posso sembrare polemico, ma non lo sono. Se qualcuno ha voglia e crede di essere abbastanza bravo da portare avanti anche solo un piccolo progetto, ben venga.
Ci troviamo a cena da qualche parte o meglio ad un evento de ilmangione e ne parliamo.


Mi rendo conto di fare affermazioni tipo armiamoci e partite.
Del resto amo questo sito ma non ci ho investito tanto quanto te.. Non saprei che fare.... Butto lì idee e pensieri in libertà, poi certo che la reltá ė complessa. Il fatto che i pensi è un sono d'interesse

da miciagilda il 01 gen 2012 23:26


Certamente il sito de IlMangione non è un esempio di innovazione tecnologica, non è un portale verso altri siti web, non brilla per scelte tecnologiche rivoluzionarie o all'avanguardia.

Il mio personalissimo pensiero è che può tranquillamente lasciarle fare agli altri, per i quali probabilmente ciò corrisponde al loro core-business.

Vedo IlMangione come un sito che può sopravvivere, e anche eccellere, proprio grazie alla sua titolarità, al suo carattere di semplice e sincero deposito di esperienze umane, personali e super partes che ne definiscono il patrimonio.

Non è un discorso "vecchio": è che l'autenticità tornerà a preponderare davanti ai fuochi d'artificio di immagini, links, tecnologie, effetti speciali in cui la sostanza lascia spesso a desiderare; trend di questi ultimi anni che guardo con una certa diffidenza.

Ripeto: questo è solo il mio pensiero personale. :)

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno. (H. Hesse)

da miciagilda il 03 gen 2012 10:52


Tornando a bomba: se di progetto si intende parlare, la prima cosa da definire sono gli obiettivi. :!:

Cosa serve: maggiore visibilità? Maggiore affidabilità così da battere in prestigio i vari gamberi etc.? :?:

Non ho ancora letto nulla di ben definito, neanche dagli amministratori. 8)

Non ci sono idee chiare?
Ok. Perché allora non aggiungere (a costo quasi zero) un bel bottone in home page con su scritto "Inviateci i vostri suggerimenti per migliorarci"?

Andrebbe a linkarsi a un topic del forum e avrebbe la doppia utilità di far scoprire il forum ai neo-recensori, oltre a farci fare la figura di quelli umili ed aperti ai consigli. :wink:

Così, un'idea... :)

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno. (H. Hesse)

da Luca75 il 04 gen 2012 00:04


Oh bel topic. Bravo Oby. Speriamo di non scrivere in due perchè sarebbe segno che l'argomento non interessa a nessuno.
Parlando di obiettivi, credo si debba differenziare tra quelli (passatemi il termine) quantitativi -tipo numero di contatti, resa economica, diffusione, numero delle recensioni- da quelli "qualitativi".
In generale gli obiettivi, soprattutto i primi, andrebbero definiti dalla proprietà ed i secondi condivisi con gli associati (immagino che di queste cose si discuta nelle assemblee dell'associazione)
Per quanto mi riguarda esporrò una serie di mie esigenze e butto lì le mie idee.
Vorrei un sito più affidabile che si difenda meglio dai puffi, sia quelli promozionali che quelli ingenui. Affidabilità intesa come numero di recensioni per ogni locale, copertura anche al centro sud, affidabilità del singolo recensore... Proposte: dare la possibilità anche ai navigatori non registrati di leggere le vecchie recensioni. Rendere pubblica anche agli utenti non registrati, l'affidabilità dei recensori. L'affidabilità dei recensori venga gestita con un metodo più sistematico (per esempio legata al voto dato dal validatore, oppure aprendo la possibilità di votare l'affidabilità anche agli utenti registrati e non associati, dopo aver raggiunto il livello mangione). In questo modo aumenteremmo di affidabilità e la maggiore accessibilità del sito aumenterebbe i contatti. In fondo è il metodo tripadvisor.
Per rimanere sul target nazional popolare, si potrebbe mutuare il metodo tripadvisor che ha aumentato i contatti collaborando con le grandi agenzie di viaggio. Fantastico di una collaborazione con Groupon e con le smartbox : un accordo tale da permettere agli utenti groupon di recensire esperienze belle e brutte sul mangione.

Poi vorrei un forum più popolato di utenti e ristoratori interessati a parlare di gastronomia e di ristorazione oltre che dei soliti pippi nostri. Tanto si è detto sul rapporto tra testata giornalistica e forum. Io non ho capito perchè su tutte le testate giornalistiche ci sono i blog con possibilità d'intervento sulle recensioni (anche da parte di utenti non registrati) mentre noi evitiamo qualunque possibile commistione tra le due aree. Capisco i dilemmi dei moderatori e non voglio insistere. Mi domando come facciano gli altri a risolvere la cosa.

Poi vorrei una homepage più figa perchè è un biglietto da visita per chi approda al sito. Sì sa che essere belli non basta, ma certamente non guasta..

Dai Babbo Natale, portaci i doni!! :lol:

da donAttilio il 04 gen 2012 09:51


Luca75 ha scritto. . . . . .

Dai Babbo Natale, portaci i doni!! :lol:


Luca . . . stai attento nel ricevere i DONI :oops: ... potresti finire indagato pure tu 8) :lol: :wink:

da miciagilda il 04 gen 2012 10:23


E' stato fatto un ottimo lavoro. :)

Non è stato tuttavia riportato quanto chiarito con Scogghi (e confermato da Silbusin), ovvero che il management de IlMangione non è alla ricerca di idee, bensì di collaboratori, e che fortunatamente pare che uno l'abbiano già trovato. :P

Ho quindi l'impressione che questo topic, alla luce di quanto sopra, abbia scarsa utilità. :)

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno. (H. Hesse)

da silbusin il 04 gen 2012 13:48


Per chiarire ulteriormente. ilmangione.it ha sempre bisogno di idee e collaboratori.
Ma mentre le idee sono più facili da accogliere e comunque sia roby che gobby sono una fucina di idee (alcune del menga, ma si sa anche i geni hanno i loro alti-e-bassi), il problema è "chi" le mette in pratica, gratuitamente (almeno per la mano d'opera)? Per ora almeno... quando saremo come Mark Zuckerberg allora fiumi di sciampagne, zoccole e caviale. :lol:
Un simpatico forumista si è offerto di collaborare: ben venga! Lo staff lo contatterà, passate le feste, e se ci sarranno le condizioni potrà partecipare alla vita brillante ed intensa, piena di praimus ed escort della nostra redazione... 8)
Ma basterebbe anche mettersi "a disposizione" nel senso di essere disponibili a dedicare un po' del proprio tempo che una mansione di aiuto si trova facilmente.
Vale comunque e sempre la legge che regola tutti i tipi di volontariato: se ti dai disponibile ci sono comunque delle regole da rispettare.

12 messaggi
Pagina 1 di 1
Vai a

Chi c’è in linea

Visitano il forum: bongenberadol e 0 ospiti

Moderatore: scogghi

cron