Condivisione e scambio di opinioni, notizie, sul mondo gastronomico. Tematiche tecniche riguardanti il "mangiare".
81 messaggiPagina 4 di 5
1, 2, 3, 4, 5

da Mauro1980 il 19 giu 2012 17:19


nel pesto tutto è crudo, nella aglio-olio-peperoncino è tutto cotto penso le differenze si sentano meno

da primus il 19 giu 2012 19:07


Mauro1980 ha scritto ho assaggiato 3 pesti, in uno dei tre (quello che ho preferito) l'aglio spiccava, negli altri si sentiva molto meno.


Era dovuto alla quantità superiore o alla qualità differente dell'aglio?


penso alla quantità d'aglio.....il pesto non ha grammature precise, si va a braccio....è come chiedere a mio cognato la ricetta della focaccia....." Ma si belin, lievito,farina,un pugno di sale olio..." :lol:

cmq nel pesto serio l'aglio si deve sentire.

"Ogni stecca ripetuta due volte è l'inizio di un arrangiamento" (Frank Zappa).

da stefanbo il 19 giu 2012 19:22


Quindi Primus mi stai dicendo che il pesto mangiato da Mauro1980 a Portovenere, ed il mio a Riomaggiore nel quale l'aglio era inesistente/impercettibile/poco erano praticamente poco ortodossi (e che quindi ci hanno preso, come già affermato prima, un po' per il c....dicendo che da quelle parti usa poco/niente aglio?) :wink:

da primus il 19 giu 2012 19:24


stefanbo ha scrittoQuindi Primus mi stai dicendo che il pesto mangiato da Mauro1980 a Portovenere, ed il mio a Riomaggiore nel quale l'aglio era inesistente/impercettibile/poco erano praticamente poco ortodossi (e che quindi ci hanno preso, come già affermato prima, un po' per il c....dicendo che da quelle parti usa poco/niente aglio?) :wink:


ognuno fa come crede. adesso fanno anche il "ricordo di cappon magro" è.......il pesto senza aglio è stato introdotto per accontentare i milanesi, ma nel pesto ci va. :wink:

"Ogni stecca ripetuta due volte è l'inizio di un arrangiamento" (Frank Zappa).

da stefanbo il 19 giu 2012 19:25


Grazie infatti la penso proprio come te :wink: :D

da Mauro1980 il 19 giu 2012 23:19


In quello industriale (Saclà, Star, Barilla, ecc...) penso non lo mettano neanche (io non lo sento), chissà che sorpresa per il turista, in visita per la prima volta in Liguria, sentire che il pesto ha l'aglio :)

da franferrari il 20 giu 2012 08:09


Mauro1980 ha scrittoIn quello industriale (Saclà, Star, Barilla, ecc...) penso non lo mettano neanche (io non lo sento), chissà che sorpresa per il turista, in visita per la prima volta in Liguria, sentire che il pesto ha l'aglio :)


Oh io quelli li sento bruschi e basta... sinceramente faccio fatica a dire se ci può essere o meno...

da miciagilda il 20 giu 2012 09:17


Visto che vendono vasetti di pesto con su scritto "senza aglio" presumo che tutti gli altri ne contengano.

Dopodiché, è assai probabile che sia aroma naturale all'aglio, E139 per esempio... :?

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno. (H. Hesse)

da manufood il 20 giu 2012 11:12


Mauro1980 ha scrittoIn quello industriale (Saclà, Star, Barilla, ecc...) penso non lo mettano neanche (io non lo sento), chissà che sorpresa per il turista, in visita per la prima volta in Liguria, sentire che il pesto ha l'aglio :)


Mauro mi sorprendi. addiritttura non consideri le mostarde Sperlari, dondi, ... e poi compri e consumi il pesto industriale???? :shock: :shock:
da un purista come te non me lo aspettavo! :lol:

da Mauro1980 il 20 giu 2012 12:06


manufood ha scritto
Mauro1980 ha scrittoIn quello industriale (Saclà, Star, Barilla, ecc...) penso non lo mettano neanche (io non lo sento), chissà che sorpresa per il turista, in visita per la prima volta in Liguria, sentire che il pesto ha l'aglio :)


Mauro mi sorprendi. addiritttura non consideri le mostarde Sperlari, dondi, ... e poi compri e consumi il pesto industriale???? :shock: :shock:
da un purista come te non me lo aspettavo! :lol:

io sono aperto a provare tutto :)

Quando dico che le mostarde Sperlari non sono buone, anzi secondo me non sono nemmeno mostarde, lo dico perché le ho provate più volte (mio padre addirittura le vende)

Stesso discorso sul pesto industriale, durante la vita da studente di pastasciutte preparate da amici con pesto industriale ne ho mangiate fin troppe e lì :) ho maturato il disappunto per questi prodotti.

Non ho pregiudizi verso nessuno, ma sui prodotti industriali/preparati sono spesso guardingo e diffidente.

da manufood il 20 giu 2012 12:43


Mauro1980 ha scrittoQuando dico che le mostarde Sperlari non sono buone, anzi secondo me non sono nemmeno mostarde, lo dico perché le ho provate più volte (mio padre addirittura le vende)

Stesso discorso sul pesto industriale, durante la vita da studente di pastasciutte preparate da amici con pesto industriale ne ho mangiate fin troppe e lì :) ho maturato il disappunto per questi prodotti.

Non ho pregiudizi verso nessuno, ma sui prodotti industriali/preparati sono spesso guardingo e diffidente.


ah ok, mi stavo preoccupando! :wink:

da luc83 il 21 giu 2012 03:55


Mauro1980 ha scrittoStesso discorso sul pesto industriale, durante la vita da studente di pastasciutte preparate da amici con pesto industriale ne ho mangiate fin troppe e lì :) ho maturato il disappunto per questi prodotti.



Si assicuro che a milano si mangia del pesto peggiori fatto in casa che non quelli industriale ;)

da atlantica il 05 lug 2012 08:29


Yoda ha scritto
copperhead69 ha scrittoOvviamente mi unisco al coro, fracina!!
Il succo del discorso è, IMHO, che vi sono alcuni piatti in cui aglio o cipolla o peperoncino o altro che potrebbe arrecare "disagio", sono un componente "marginale" nell'economia del piatto.
Altre ricette, invece, se gli togli l'aglio o simili, vengono snaturate.Tutto qui.
Mi viene in mente la bagnacauda, for istance...
Anche se qualcuno sicuramente sarà riuscito a farla senz'aglio!


Nella bagna cauda , l'aglio non da' i problemi che invece puo' dare col pesto , semplicemente perche' viene a volte sbollentato piu' volte e poi cotto nel latte e ridotto in poltiglia. A questo punto viene amalgamato a burro e olio in cui si sono fatte sciogliere le acciughe.
Io che ho problemi con l'aglio crudo, con la bagna cauda non ne ho assolutamente.

Vabbè Yoda, però la bagna cauda fatta così non è la vera bagna cauda! Adesso son tutti delicatini e mettono a bagno l'aglio nel latte togliendo l'anima, ma io la faccio come mia nonna: per due persone una bella testa d'aglio pestata nel mortaio e poi sciolta lentamente nel burro, aggiunta di acciughe che si devono schiacciare e sbriciolare sempre lentamente e poi olio. L'unica concessione è l'aggiunta di crema di latte per renderla un po' più delicata. Ovviamente si fa solo al sabato sera per avere poi il tempo di smaltire gli effluvi...

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi

da atlantica il 05 lug 2012 08:40


Io non uso pesto industriale e lo preparo in casa. Basilico ligure e aglio rosa di Caraglio, pinoli, pecorino e due gherigli di noce. Non è l'aglio di Vessalico, ma sinceramente non sento la differenza.

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi

da capohog il 05 lug 2012 08:50


atlantica ha scritto
Yoda ha scritto
copperhead69 ha scrittoOvviamente mi unisco al coro, fracina!!
Il succo del discorso è, IMHO, che vi sono alcuni piatti in cui aglio o cipolla o peperoncino o altro che potrebbe arrecare "disagio", sono un componente "marginale" nell'economia del piatto.
Altre ricette, invece, se gli togli l'aglio o simili, vengono snaturate.Tutto qui.
Mi viene in mente la bagnacauda, for istance...
Anche se qualcuno sicuramente sarà riuscito a farla senz'aglio!


Nella bagna cauda , l'aglio non da' i problemi che invece puo' dare col pesto , semplicemente perche' viene a volte sbollentato piu' volte e poi cotto nel latte e ridotto in poltiglia. A questo punto viene amalgamato a burro e olio in cui si sono fatte sciogliere le acciughe.
Io che ho problemi con l'aglio crudo, con la bagna cauda non ne ho assolutamente.

Vabbè Yoda, però la bagna cauda fatta così non è la vera bagna cauda! Adesso son tutti delicatini e mettono a bagno l'aglio nel latte togliendo l'anima, ma io la faccio come mia nonna: per due persone una bella testa d'aglio pestata nel mortaio e poi sciolta lentamente nel burro, aggiunta di acciughe che si devono schiacciare e sbriciolare sempre lentamente e poi olio. L'unica concessione è l'aggiunta di crema di latte per renderla un po' più delicata. Ovviamente si fa solo al sabato sera per avere poi il tempo di smaltire gli effluvi...
:wink:


Non hanno il fisico e pur non piemontese la bagna cauda la faccio bella agliata anch'io....magari non per San Valentino o prima di un colloquio di lavoro ma non risparmio su aglio ed acciuga....ed un po' fusion perchè ci mangio assieme anche le puntarelle :lol: :lol:

96 cubic inch of good vibs

da atlantica il 05 lug 2012 08:52


Non è un'eresia, le puntarelle ci stanno benissimo. Una verdura da non mangiare invece con la bagna cauda è il finocchio anche se molti lo fanno. Non si accordano proprio i sapori!

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi

da capohog il 05 lug 2012 08:57


Che verdure consigli? Io vado di peperone, cuore di cardo, rapanello, carciofo, puntarelle, cimette sbollentate di cavolfiore e broccolo, zucca lessata, ciuffetti di valeriana, patata lessa, fettine di mela....

96 cubic inch of good vibs

da atlantica il 05 lug 2012 09:04


capohog ha scrittoChe verdure consigli? Io vado di peperone, cuore di cardo, rapanello, carciofo, puntarelle, cimette sbollentate di cavolfiore e broccolo, zucca lessata, ciuffetti di valeriana, patata lessa, fettine di mela....

Eviterei il rapanello. Le altre verdure sono perfette. Il peperone crudo e cotto al forno e poi pelato, foglie interne del cavolo crude, topinambour crudo e tagliato a fettine sottilissime (questo ci vuole assolutamente, è un classico!). Con questo sei sistemato :D

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi

da fulvia il 05 lug 2012 09:44


atlantica ha scritto
capohog ha scrittoChe verdure consigli? Io vado di peperone, cuore di cardo, rapanello, carciofo, puntarelle, cimette sbollentate di cavolfiore e broccolo, zucca lessata, ciuffetti di valeriana, patata lessa, fettine di mela....

Eviterei il rapanello. Le altre verdure sono perfette. Il peperone crudo e cotto al forno e poi pelato, foglie interne del cavolo crude, topinambour crudo e tagliato a fettine sottilissime (questo ci vuole assolutamente, è un classico!). Con questo sei sistemato :D


Anche con il topinambour? :shock: Poi parti per un periodo di eremitaggio nel Nepal! :x

...gli adulti che fanno solo gli adulti, senza ascoltare il bambino che è dentro di loro, sono di una noia e tristezza mortale....
O. Vanoni

da Yoda il 05 lug 2012 11:17


atlantica ha scritto
Yoda ha scritto
copperhead69 ha scrittoOvviamente mi unisco al coro, fracina!!
Il succo del discorso è, IMHO, che vi sono alcuni piatti in cui aglio o cipolla o peperoncino o altro che potrebbe arrecare "disagio", sono un componente "marginale" nell'economia del piatto.
Altre ricette, invece, se gli togli l'aglio o simili, vengono snaturate.Tutto qui.
Mi viene in mente la bagnacauda, for istance...
Anche se qualcuno sicuramente sarà riuscito a farla senz'aglio!


Nella bagna cauda , l'aglio non da' i problemi che invece puo' dare col pesto , semplicemente perche' viene a volte sbollentato piu' volte e poi cotto nel latte e ridotto in poltiglia. A questo punto viene amalgamato a burro e olio in cui si sono fatte sciogliere le acciughe.
Io che ho problemi con l'aglio crudo, con la bagna cauda non ne ho assolutamente.

Vabbè Yoda, però la bagna cauda fatta così non è la vera bagna cauda! Adesso son tutti delicatini e mettono a bagno l'aglio nel latte togliendo l'anima, ma io la faccio come mia nonna: per due persone una bella testa d'aglio pestata nel mortaio e poi sciolta lentamente nel burro, aggiunta di acciughe che si devono schiacciare e sbriciolare sempre lentamente e poi olio. L'unica concessione è l'aggiunta di crema di latte per renderla un po' più delicata. Ovviamente si fa solo al sabato sera per avere poi il tempo di smaltire gli effluvi...


Affermi una cosa e poi la contraddici???? 8) 8) 8)
L'aglio cotto nel latte nella bagna cauda e una costante che si trova in tantissime ricette.. Poi, dire in questi casi quale sia quella originale....e' sempre dura...

"Provare?...Fare!! O non fare. Non c'è provare!" Yoda...il Maestro

"guida poco...che devi bere..."
My flickr: http://www.flickr.com/photos/46442172@N02/

81 messaggiPagina 4 di 5
1, 2, 3, 4, 5
Vai a

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Moderatori: capohog, scogghi